ANTONIO DOMENICO MIGHELI

Antonio Domenico Migheli è nato ad Osilo nel 1843 e morto a Oschiri nel 1910. E’ considerato unanimemente uno dei massimi poeti in lingua sarda. Pur essendo un allievo di Paolo Mossa, da lui stesso dichiarato, non ildulge nelle forme arcadiche tradizionali. Anzi, se ne allontana decisamente per dare spazio a forme poetiche sue proprie, affermando così il suo stile originale, ben riconoscibile da quello degli altri poeti sardi. Il suo registro espressivo è decisamente composito: va dal serio, anche drammatico, all’ironico sferzante e da questo allo scherzoso. Inoltre, di dedicava anche alla forma di poesia estemporanea. Le sue poesie sono raccolte nel volume intitolato “Sa briga de sos santos”, pubblicato dall’editore Della Torre e redatto a cura di Mimmo Bua e Nino Pericu. Il libro contiene un saggio introduttivo di Mimmo Bua, dal titolo: Un poeta contro. Le poesie qui riportate fanno parte del reportorio del canto sardo a chitarra.

SERENADA

Pianu, non l’ischidedas

tantu improvvisamente,

pro chi cherzo solamente

cun calma a nde l’ischidare.

cun d’una oghe amorosa

a pianu, a pagu a pagu,

chi li servat de disvagu

ischidendela a domosa,

nendeli: “Gentile rosa,

sirena de sas sirenas,

e proite non ti apenas

de chie morit pro ti amare?”

Zittu dade una calmada

chi una lughe hap’iscopeltu:

sa lughe est su signale zeltu

chi donosa est ischidada.

Tue como, lughe amada,

chi ischis chi no est drommende,

narali chi est isettende

su chi morit pro l’amare.

lughe bella, ite favore

faghias si lu nàrasa,

ma no b’istentes a crasa

a dare signos de amore;

ca li aggiunghes risplendore

a sa risplendente cara,

a s’ammirare li nara

dae chie morit pro l’amare.